La liquirizia è una pianta erbacea perenne, la parte di utilizzo più comune è la radice; viene raccolta ed essicata per essere poi impiegata in vari settori, come in erboristeria o in cucina.

Il principio attivo contenuto nell’estratto di liquirizia, la glicirrizina, vanta alcune proprietà benefiche, vediamo quali sono.

La liquirizia aiuta a migliorare la digestione ma non solo; infatti, incidendo sulla mucosa gastrica può risultare utile anche contro alcune patologie gastro-intestinali e talvolta quelle epatiche, essendo ricca di antiossidanti.

Funge da calmante contro la tosse e regola il livello di zuccheri presenti nel sangue, aiuta ad alzare la pressione sanguigna (indicata per chi soffre di pressione bassa) ed è un ottimo rilassante, utile a scacciare l’insonnia.

Reperibile in diverse forme: caramelle, bastoncini e talvolta usata come spezia per dare un tocco in più in cucina, infine, è molto gustosa se utilizzata per fare tè, infusi o tisane. 

Consigliamo una buona e semplice ricetta per una tisana alla liquirizia:

-foglie di menta

-radice di liquirizia

-foglie di ortica

Basteranno una decina di grammi per ciascuno degli ingredienti sopra elencati mescolati ad un litro d’acqua in ebollizione; una volta lasciato riposare il tutto per qualche minuto otterrete una deliziosa e benefica tisana.